Contatti

1%20pomlad%2c%202012%2c%20akril%2c%20platno%2c%2058%20x%20%2060%2c5%20cm

Franc Golob

Nel corso dei decenni Franc Golob ha lavorato nel campo della pittura, del design, della fotografia, del video, passando dall’incisione classica alla grafica digitale. La sua personalità artistica è stata plasmata anche dall'attivismo e dagli heppening artistici. Nell’analisi del suo sviluppo artistico non basta concentrarsi su di un solo punto di vista, bisogna partire dagli inizi prima degli studi accademici passando poi per l'Accademia di Belle Arti di Lubiana, dove ha appreso a fondo le tecniche classiche. Nel periodo post-laurea è passato nel campo dei nuovi media (fotografia, design, video …), dove ha operato per più di un decennio, ritornando poi alla pittura.

Nel disegno, nell'acquerello e nella pittura, la sua opera si è sviluppata dal realismo all'astrazione, con tutte le sfumature intermedie e il frequente passaggio da un'espressione all'altra. Nel primo periodo si è dedicato alla figura nel disegno e nella pittura, concentrando in seguito il proprio percorso creativo sullo studio della natura. Molto spesso dipinge paesaggi domestici e stranieri, scoperti durante numerosi viaggi, anche in paesi esotici, includendo l'architettura, che può essere presente in misura maggiore o minore.

La ricca opera acquerellistica di Franc Golob è caratterizzata dall'astrazione del paesaggio attraverso l'esplorazione delle sue strutture, degli effetti coloristici, della luce, con un tratto che può essere tranquillo o abbozzato e impulsivo. È anche interessato alla concentrazione del colore, sperimentando continuamente i limiti che questa tecnica può sostenere, valicando quindi costantemente i confini della nozione classica di acquerello. Negli ultimi anni Golob si è dedicato più intensamente alla pittura come continuazione e sintesi della sua precedente ricerca sulla natura. Le composizioni astratte di grande formato sono strutture di tratti dinamici e colori espressivi.

Franc Golob

Franc Golob è nato nel 1941 a Celje, dove ha frequentato la scuola elementare e il ginnasio. Tra il 1957 e il 1958 ha frequentato la bottega artistica del pittore August Lavrenčič a Celje, poi si è iscritto alla Scuola di Design di Lubiana, dove all’epoca insegnavano i pittori Tone Žnidaršič e Marko Šuštaršič.

Dopo la laurea all'Accademia di Belle Arti di Lubiana nel 1970, Franc Golob ha trovato lavoro presso la fabbrica di mobili Brest a Cerknica e nell'autunno del 1972 è entrato a far parte del gruppo di designer dello stabilimento Meblo di Nova Gorica.

Alla fine degli anni '70 è stato invitato a partecipare alla progettazione del Centro Culturale di Nova Gorica. Nel 1982 è stato assunto presso il Liceo pedagogico di Tolmin come professore di belle arti. Negli anni '80 ha partecipato attivamente all'Associazione degli artisti del Litorale settentrionale (DLUSP).

Nel 1992, Franc Golob è stato assunto al Ginnasio di Nova Gorica, dove ha insegnato storia dell'arte e belle arti. Nel 2000, su suggerimento dell'allora preside del ginnasio, Bojan Bratina, è diventato il fondatore del Liceo artistico con il dipartimento di belle arti, che ha guidato con successo fino al pensionamento alla fine del 2004.

Dopo il 2005 si è dedicato interamente al lavoro artistico. Ha partecipato a numerosi simposi internazionali, colonie artistiche e viaggi di studio.

Nel 2015, sotto gli auspici della International Watercolor Society (IWS), ha organizzato con i colleghi di Ajdovščina la Biennale Internazionale dell'Acquerello Castra, la prima e l'ultima, nonostante il grande successo.

Ha inoltre partecipato al festival InArte Fabriano in Italia, il più importante evento di acquerello in Europa. Nel 2019 è stato invitato al simposio di pittura a Fuiyang, in Cina, dove ha lavorato con i più grandi maestri dell'acquerello.

Vive e lavora nel villaggio di Osek, dove ha il proprio studio. La mostra retrospettiva al Goriški muzej è, come si è espresso, un'occasione per guardare il proprio percorso, ripensarlo e…

Franc Golob

Luogo: Castello di Kromberk

Dal: 19 giu 2021
Al: 31 dic 2021

A cura di:
Katarina Brešan e David Kožuh

Conservazione e restauro:
Polona Paglovec Šuligoj